Inspiration

What does the word inspiration mean? I look at the word and break it into two parts: “in” and “Spirit.” To live an inspired life, then, means to be “in Spirit” all the time – to be in tune with the magnificent presence of the Higher Self within you. Where in effect, the mind is open to everything, and attached to nothing. We are all derived from an organizing intelligence no matter what religion, nationality, or belief system, that divine spark resides within everyone even if the person is not currently aware of it.

Therefore, this organizing intelligence is the place from which we all derive inspiration – in -spirit. An inspired life is finding a way to live in harmony with the divine intelligence with every thought you have. To live at all times in spirit and feeling yourself when you are disconnected from spirit. The key is being in touch with that divine source within which is inspiration. Living day in and day out, watching every thought and knowing that you have left spirit when you have a thought that does not include everyone – when you become ego centered (Edging-God-Out}

Being inspired is about changing awareness of yourself as being limited, having no luck, things never working out, etc. into realizing that you are unlimited and have the potential to create whatever you truly desire if it is in alignment with the divine within. Whatever the mind of man can conceive, the mind of mind man can create. You are a perfect creation of the Divine. There is absolutely nothing that you cannot create. Have a knowing that you can create and attract to yourself anything you need to create your desires. `

Living an inspired life is realizing that you came from a divine source – you are a piece of this divinity, an expression of unlimited potential. In truth, you are like what you came from – we are pieces of the divine. We are spiritual beings having a human experience, not human beings having a spiritual experience. A drop of the ocean is not the ocean, but the small drop has the same qualities and essence of .the ocean.. Since the source from which we came is love, peace, abundance, unlimited, perfect health, then we also have these qualities inherent in us as humans. It is actually an insult from which you came to think anything less.

We came into existence from divinity but somehow got separated from our source and developed an ego. We began to follow the herd and to identify with accumulating things. Quiet your mind, meditate, and get back in touch with your Higher Self.

When you are inspired, you discover yourself to be a greater person than you ever imagined. Realize that your thoughts are energy. It’s all about what kind of thoughts and feelings we offer up to achieve our desires.

Give light, and the darkness will disappear of itself.

(Desiderius Erasmus)

Ispirazione

Cosa significa “ispirazione”? Ho esaminato la parola e l’ho divisa in due parti: “in” e “spirit”. Vivere una vita ispirata significa, quindi, essere “in spirito” tutto il tempo, essere in armonia con la magnifica presenza del nostro Sé Superiore. Un posto dove la mente è aperta a tutto e, al tempo stesso, attaccata a nulla.

Proveniamo tutti da un’intelligenza di matrice superiore, indipendentemente dalla nostra religione, dalla nostra nazionalità e dal nostro sistema di credenze. Quella scintilla divina che risiede dentro ciascuno di noi, anche quando non ne siamo consapevoli.

Questa intelligenza superiore è il luogo dove tutti noi traiamo ispirazione (“in” “spirito”). Vivere una vita ispirata significa trovare un modo per essere in armonia con l’intelligenza divina, in ogni pensiero che formuliamo. Significa vivere costantemente in spirito e capire quando stiamo perdendo il contatto con esso. La chiave è restare in contatto con la sorgente divina dentro cui si trova l’ispirazione. Vivere tutti i giorni, guardare ogni pensiero, capire che ci si è allontanati dallo spirito perché si ha avuto un pensiero che non include tutti, quando, cioè, si diventa egocentrici (EGO – Edging-God-Out, che potremmo tradurre in “fuori dai confini di Dio”).

Essere ispirati consiste nel cambiare la consapevolezza di sé stessi: dal vederci come esseri limitati e sfortunati, con la convinzione che nulla funzioni come dovrebbe a vederci come esseri senza limiti, dotati del potenziale per creare tutto ciò che davvero desideriamo. Non c’è assolutamente nulla che non possiate creare. Siate consapevoli che potete creare ed attrarre nella vostra vita tutto ciò che vi serve per realizzare i vostri desideri.

Vivere una vita ispirata significa essere consapevoli di provenire da una sorgente divina – e voi siete un pezzo di quella divinità, un’espressione di potenziale illimitato. La verità è che siete esattamente come ciò da cui provenite. Siete esseri spirituali che stanno avendo un’esperienza umana e non esseri umani che stanno avendo un’esperienza spirituale. Una goccia dell’oceano non è l’oceano, eppure quella piccola goccia ha le stesse qualità e la stessa essenza dell’oceano di cui fa parte. E poiché la fonte da cui tutti proveniamo è amore, pace, abbondanza, perfetta salute, di riflesso anche noi umani possediamo le stesse qualità. Sarebbe davvero un peccato pensare qualcosa meno di questo.

Siete arrivati qui dal divino ma per qualche motivo ne siete stati separati e avete sviluppato un ego. Avete iniziato a seguire il gregge e ad accumulare cose. Mettete a tacere la mente, meditate e riprendete contatto con il vostro Sé Superiore.

Quando siete ispirati, scoprite di essere una persona migliore di quanto abbiate mai immaginato. Prendete coscienza del fatto che i vostri pensieri sono energia. E’ tutta una questione di quale tipo di pensieri e sentimenti offrite per raggiungere i vostri desideri.

Dona luce, e l’oscurità scomparirà da sé.

(Desiderius Erasmus)

Steve Jobs

Il tuo lavoro occuperà gran parte della tua vita, e l’unica cosa che può farti sentire veramente soddisfatto è credere che stai facendo un grande lavoro. E l’unico modo di fare un grande lavoro è amare ciò che fai. Se non l’hai ancora trovato, continua a cercare. Non accontentarti. Come per tutte le questioni di cuore, saprai di averlo trovato.

Benjamin Franklin’s Method Of Habit Formation

Inventor, statesman, writer, publisher and economist, Benjamin Franklin, relates in his autobiography that early in his life he decided to focus on arriving at moral perfection. He made a list of 13 virtues, assigning a page to each. Under each virtue he wrote a summary that gave it fuller meaning. Then he practiced each one for a certain length of time.

To make these virtues a habit, Franklin can up with a method to grade himself on his daily actions. In a journal he drew a table with a row for every virtue and a column for every day of the week. Every time he made a fault, he made a mark in the appropriate column. Each week he focused his attention on a different virtue. Over time, through repetition, he hoped to one day experience the pleasure of “viewing a clean Book.”

He says that he carried out this personal examination for years. In order to do the work thoroughly he decided to attempt each virtue, one at a time. He began with temperance, which included the moderating of every pleasure or inclination to develop undesirable habits, because temperance “tends to procure that coolness and clearance and head that is so necessary where constant vigilance is to be kept up and guard maintained against the unremitting attraction of ancient habits and the force of perpetual temptations.”

The other virtues practice in succession by Franklin were silence, order, resolution, frugality, industry, sincerity, Justice, moderation, cleanliness, tranquility, chastity and humility. For the summary order he followed a little scheme of employing his time each day. From five to seven each morning he spent in bodily personal attention, saying a short prayer, thinking over the day’s business and resolutions, studying and eating breakfast. From eight till twelve he worked at his trade. From twelve to one he read or overlooked his accounts and dined. From two to five he worked at his trade. The rest of the evening until 10 he spent in music, or diversion of some sort.

This time is used also to put things in their places. In the last thing before retiring was examination of the day. At the age of 79, he ascribed his health to temperance; the confidence of his country to sincerity and justice.

Franklin’s extraordinary success in life and politics can be attributed to his perseverance to overcome his personal liabilities, and his desire to constantly become better.

Next time you really want to achieve something, take time to focus on your own personal journal. What is your temptation that is standing in your way to greatness? What can you do to form the habit of becoming a success?

You may delay, but time will not.

(Benjamin Franklin)

You are Magic

Magic (ma-jic): an extraordinary power or influence seemingly from a supernatural source.

“Magic (ma-jic): an extraordinary power or influence seemingly from a supernatural source”. The attempt to define magic is difficult at best. It is used more as a word to define, than one that can be defined. The same can be said for who you are. We attempt to define ourselves, yet no adequate words exist to describe the complexity of who we are. We can describe what we look like, the type of work we do, our ethnic heritage or gender. Yet, that comes nowhere near the truth of what animates your being. You are a mystery. You are magic.

Historians, philosophers, scientist and theologians have been searching for the origins and meaning of existence since the beginning of time. Various religions have been born out of an attempt to define the indefinable. We often engage in the endless pursuit to define who, what and why we are. We measure ourselves against others and their accomplishments. We are deluged each day with media images of what is acceptable or unacceptable. There is an ongoing quest to explain the unexplainable. You are who you are and that is ever changing. You are deliciously indescribable. Each moment you are remade. Every morning when you open your eyes, you begin a new journey. The choices and decisions that you make color and change “who” you are. You are an indefinable, magical being. Have you forgotten this? Have you allowed the world to take away your magic? Each time you have a thought or task and give it life- you are creating! From preparing a meal for your family or painting a picture. Everything you do adds a different dimension to who “you” are. Life is a mystery and by accepting this fact you become one with it and more able to maneuver though it.

Think back and remember the last time you were really “in tune” with something you wanted to accomplish. Remember how easy and enjoyable it was to put together all the pieces of the puzzle to create the final outcome? You were not anxious or the least bit concerned about what other people were thinking or doing. You were one with the energy of your creation. That same dynamic is possible in all aspects of your life. By becoming one with the magical energy of who you are, you create. You can also create your own limitations by putting up walls of fear and inadequacy. Embrace your power; consider what you create each and everyday. If you can put together the ingredients to make an apple pie, you can use the same recipe to create anything else you desire. Create a recipe that works for you. Be in harmony with the energy of what you want to bring into your life. If you have made several attempts with no apparent success- try another way. Add or remove something from the recipe. Be in tune with the Universal force of magic.

Where is your energy at this moment? Are you focusing on life affirming activities or caught up with what someone else is doing or not doing? Is your energy directed on how to get someone else to change or do what you want him or her to do? What is the topic of most of your conversations? Think about the last conversation you had- were you sharing hopes, dreams and ideas or were you complaining about how things are not going the way you want them to? A large percentage of our words, thoughts and energy are given to what is going on around us. By understanding that you are a powerful, magical being- you regain the power that is wasted on things you cannot control. You cannot control another person’s emotions or actions. If someone is in your life and they are causing you distress- it is because of your choice to remain part of their life. If you are not happy with the situation you are in, it is your choice. You are not your past. You are not what someone did to you or what was taken from you. The events and people in your life have served to shape “who” you are at this moment. The events of today, will further hone who you are tomorrow- and so on…

To become a truly empowered being, you have to reach down into the magical place inside of you and utilize your own power. It is not important as to what your spiritual or theological beliefs are. What is important is that you understand the fact that you are a creator. What do you want to create? Peace, harmony and joy or chaos and drama? Are you always feeling angry and frustrated? Being angry or frustrated is only beneficial if it serves to steer you another direction. Conflict can be an incredible catalyst for change if you use the energy to move. Choose to take a different path or look at things from a different perspective. It does not matter how you do it, the important thing is that you get into a place that you want to be.

You are who you are and that is “magical”. Do not allow anything to diminish and cage your personal power. Allowing your inner self to grow and blossom is a process. Magic happens when you leap into mystery and become that which you desire to be. Like attracts like- to manifest magic, you must be magic. Just as you cannot adequately define the mystery of life, do not attempt to define “you”. Embrace the undiscovered parts of who you are. Set out on a course to reveal the mystery that dwells within you. If you must define yourself, you are magic.

We all have magic inside us.

(J. K. Rowling)

Tu sei Magia

Magìa (ma·gì·a) pratica e forma di sapere esoterico e iniziatico che si presenta come capace di controllare le forze della natura.

Il tentativo di definire la magia è, nel migliore dei casi, difficile. È più frequente che il termine sia considerato come parola da definire, piuttosto che come parola che può essere definita. Lo stesso può essere detto per chi sei tu. Cerchiamo di definirci, eppure non esistono parole adeguate per descrivere la complessità di ciò che siamo. Possiamo definire il nostro aspetto, il tipo di lavoro che facciamo, il nostro patrimonio etnico o il nostro genere, ma non ci porta da nessuna parte che sia vicino alla verità di ciò che anima il nostro essere.

Tu sei un mistero. Tu sei magia.

Storici, filosofi, scienziati e teologi sono alla ricerca delle origini e del significato dell’esistenza dalla notte dei tempi. Varie religioni sono nate dal tentativo di definire l’indefinibile. Ci coinvolgiamo spesso nell’infinita ricerca di chi, cosa e perché siamo. Ci misuriamo con gli altri e con le loro realizzazioni. Ogni giorno siamo bombardati dalle immagini dei media che vogliono dirci cosa è accettabile e cosa no. C’è una ricerca costantemente in corso per spiegare l’inspiegabile. Tu sei ciò che sei e questo tuo essere è in costante mutamento. Sei squisitamente indescrivibile. Ad ogni istante, sei “rifatto”. Ogni mattina, quando apri gli occhi, inizi un nuovo viaggio. Le scelte che fai e le decisioni che prendi colorano e cambiano “chi” sei. Sei indefinibile, essere magico. Te lo sei dimenticato? Hai permesso al momento di portarti via la tua magia? Ogni volta che hai un pensiero o un obiettivo e gli dai vita, stai creando! Sia che si tratti di preparare un pasto per la tua famiglia o dipingere un quadro. Ogni cosa che fai aggiunge una dimensione differente di chi “tu” sei. La vita è un mistero e accettandolo fa sì che tu diventi un tutt’uno con essa e la possa manovrare.

Ripensa all’ultima volta che sei stato “in sintonia” con qualcosa che volevi realizzare. Ricordi quando facile e divertente è stato mettere insieme tutti i pezzi del puzzle per creare il risultato finale? Non eri in ansia né minimamente preoccupato di ciò che gli altri pensavano o facevano. Eri un tutt’uno con l’energia della tua creazione. La stessa dinamica è applicabile a tutti gli aspetti della tua vita. Diventando uno con l’energia magica di ciò che sei, crei. Puoi anche scegliere di creare le tue limitazioni, erigendo mura di paura e inadeguatezza. Abbraccia il tuo potere: considera ciò che hai creato ogni singolo giorno. Se sei in grado di mettere insieme gli ingredienti per preparare una torta di mele, puoi usare la stessa ricetta per creare qualsiasi altra cosa tu desideri. Crea una ricetta che funzioni per te. Sìì in armonia con l’energia che vuoi portare nella tua vita. Se hai già fatto tanti tentativi, senza nessun apparente successo, allora prova in un altro modo. Aggiungi o togli qualche ingrediente dalla tua ricetta. Resta in sintonia con la forza universale della magia.

Dov’è la tua energia in questo momento? Ti stai concentrando su attività appaganti oppure ti stai facendo coinvolgere dal fare o non fare di qualcun altro? La tua energia è diretta a come vuoi che qualcun altro cambi? Qual è l’argomento che prevale nelle tue conversazioni? Pensa all’ultima che hai avuto: hai condiviso speranze, sogni e idee, oppure ti sei lamentato di come le cose non vadano come tu desideri? Una vasta percentuale delle parole che usiamo porta la nostra energia esattamente in quella direzione.

Comprendendo il tuo essere magico, riacquisti il potere che hai perso su cose che non puoi controllare. Non puoi controllare le emozioni e le azioni degli altri. Se qualcuno è nella tua vita e ti sta portando stress e negatività, è perché tu hai deciso che rimanesse parte della tua vita. Se non sei felice della situazione che stai vivendo, ricorda che si tratta di una tua scelta. Non sei il tuo passato. Non sei ciò che qualcuno ti ha fatto o ciò di cui sei stato privato. Gli eventi e le persone nella tua vita sono serviti per formare “chi” sei in questo preciso istante. Gli eventi di oggi, daranno ulteriormente vita e forma a ciò che sarai domani, e così via.

Per diventare davvero un essere dotato di potere, devi accedere al quel posto magico che è dentro di te ed utilizzare il tuo personale potere. Non importa quale sia il tuo credo. Ciò che davvero conta è che tu comprenda il fatto che sei un creatore. Cosa vuoi creare? Pace, armonia e gioia oppure caos e drammi? Ti senti sempre arrabbiato e frustrato? I sentimenti di rabbia e frustrazione sono benefici solo se servono per guidarti in un’altra direzione. Il conflitto può essere un incredibile catalizzatore per il cambiamento se usi l’energia per creare un movimento. Scegli di prendere un percorso diverso o di guardare le cose da una prospettiva differente. Non importa come lo fai, la cosa importante è che ti dirigi verso il posto in cui vuoi essere.

Sei ciò che sei e in questo consiste la “magia”. Non permettere a niente e a nessuno di diminuire e di ingabbiare il tuo personale potere. Permettere al tuo sé superiore di crescere e fiorire è un processo. La magia accade quando fai un salto nel mistero e diventi ciò che desideri essere. I simili si attraggono: per manifestare magia, devi essere magia.

Così come non è possibile definire adeguatamente la vita, allo stesso modo non è possibile definire “te”. Vai alla scoperta delle tue parti più nascoste per scoprire ciò che sei. Intraprendi il viaggio alla ricerca del mistero che si cela in te.

Devi scoprire te stesso. E tu sei magia.

Tutti abbiamo la magia dentro di noi.

(J. K. Rowling)